Cellamare è un comune della provincia di Bari, il cui toponimo risalirebbe al Medioevo quando l'arcivescovo di Bari, Giovanni V, a seguito della distruzione di Bari perpetrata dal sovrano normanno Guglielmo il Malo, si rifugiò col suo seguito in questo territorio, che da allora mutò il nome da Cella Amoris in Cella Amaris per sottolineare il dolore degli esuli. Qui sono conservati alcuni resti archeologici molto importanti, tra cui quelli di un menhir, monolite risalente a migliaia di anni fa.

RICHIEDI INFORMAZIONI